Da Ansa (19-10-05) TFR: CONSUMATORI, NON ALIMENTARE VORACITA’ ASSICURAZIONI

in Rassegna Stampa

ECO:TFR2005-10-19 14:04TFR: CONSUMATORI, NON ALIMENTARE VORACITA’ ASSICURAZIONI ROMA (ANSA) - ROMA, 19 ott - I costi di caricamento delle polizze assicurative vita, seppur scese negli ultimi anni dal 25% al 7%-8% (con punte di oltre il 10%-12%), sconsigliano il trasferimento e la gestione dei fondi contrattualizzati del Tfr alle imprese assicurative. Lo affermano le sigle dei consumatori Adusbef, Codacons e Federconsumatori, secondo i quali "i Fondi Pensioni dei lavoratori devono essere ’chiusi’ per non alimentare l’inefficienza e la voracità senza fondo delle assicurazioni". "Anche in merito alla riforma del Tfr - si legge nella nota dei consumatori - l’Ania continua a fare la voce grossa, pressata dal padrone di Mediolanum Berlusconi, cercando di imporre la loro posizione ed i loro esclusivi interessi, lesivi dei diritti dei lavoratori e perfino delle altre imprese, che non vogliono erogare i contributi contrattualizzati alla cieca, con la finalità di alimentare il fiorente business di una parte delle assicurazioni ed in particolare di Mediolanum ed Ergo, che monopolizzano tale mercato". Adusbef, Codacons e Federconsumatori "stigmatizzano la protervia delle imprese assicurative e del premier Berlusconi che, tanto per cambiare, anche sulla delicata questione del Tfr, che è il salario differito, frutto di contrattazione tra le parti sociali, vuole approvare l’ennesima legge vergogna favorevole a se stesso ed ai suoi sodali, ma dannosa per l’intera collettività che non ha alcuna intenzione di farsi gestire i propri risparmi previdenziali dalle assicurazioni, la cui inefficienza è dimostrata perfino da costi di gestione delle polizze vita". (ANSA).

19/10/2005

Documento n.5184

Sostieni i consumatori, sostieni ADUSBEF!

Puoi sostenere ADUSBEF anche attraverso il 5 x 1000: in fase di dichiarazione, indica il codice fiscale 03638881007

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK