Da Ansa (11-10-05). BANKITALIA:ADUSBEF;PATETICA DIFESA,DDL RISPARMIO E’ VERGOGNA

in Rassegna Stampa

ECO:BANKITALIA2005-10-11 19:55BANKITALIA:ADUSBEF;PATETICA DIFESA,DDL RISPARMIO E’ VERGOGNA ROMA (ANSA) - ROMA, 11 ott - La difesa presentata dal Governatore della Banca d’Italia, Antonio Fazio, in procura è "patetica e contraddittoria". Ed è una "vergogna la legge sul risparmio approvata oggi in Senato". Lo afferma il presidente dell’Adusbef, Elio Lannutti, augurandosi che la "legge salva-Fazio approvata oggi venga bocciata alla Camera". "La legge Salvafazio approvata oggi al Senato, che Adusbef confida venga bocciata dalla Camera dei Deputati spacciata per legge di riforma del risparmio, è l’ennesima vergogna di un Governo che ha voltato le spalle ad 1 milione di famiglie, vittime dei crack finanziari per un controvalore di 50 miliardi di euro, non solo grazie ai cattivi consigli delle banche, ma anche grazie agli omessi controlli di una Vigilanza e di un Governatore che - sottolinea Lannutti - andando a braccetto con i banchieri amici, dimostrava di condividerne le malefatte a danno dei risparmiatori". "Ma questa legge truffa per i diritti dei risparmiatori, che lascia inalterati i poteri Antitrust sulle banche a Bankitalia e la carica del Governatore, che resterà in Via Nazionale, magistratura permettendo, fino a quando gli aggrada, sarà la Caporetto di un Governo (Ministro Tremonti compreso) che - conclude Lannutti -, mentre a parole prende le distanze da Fazio, nei fatti ne ha condiviso le discutibili scelte, che ricadono sulla pelle delle istituzioni e dei cittadini". (ANSA). > KRG/ > S0A QBXC

12/10/2005

Documento n.5155

Sostieni i consumatori, sostieni ADUSBEF!

Puoi sostenere ADUSBEF anche attraverso il 5 x 1000: in fase di dichiarazione, indica il codice fiscale 03638881007

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK