SOLE 24 ORE: CHISSA’ PERCHE’ IL COSIDDETTO ‘LIBRO DI CONFINDUSTRIA’, NON SIA STATO MAI APERTO, MA SIGILLATO A DOPPIA MANDATA A RICHIESTE DI TRASPARENZA PROVENIENTI DA ADUSBEF, CDR, SOCI ADUSBEF CHIEDE CHE PM MILANO FABIO DI PASQUALE,INDAGHI ANCHE SULL’INERZIA DELLA CONSOB.

in Comunicati stampa

COMUNICATO STAMPA

 

SOLE 24 ORE:  CHISSA’ PERCHE’ IL COSIDDETTO ‘LIBRO DI CONFINDUSTRIA’, NON SIA STATO MAI APERTO, MA SIGILLATO A DOPPIA MANDATA A RICHIESTE DI TRASPARENZA PROVENIENTI DA ADUSBEF, CDR, SOCI.

ADUSBEF CHIEDE CHE PM MILANO FABIO DI PASQUALE,INDAGHI ANCHE SULL’INERZIA DELLA CONSOB.

 

   La tardiva ispezione della Consob, avviata questa mattina a Milano al Gruppo Sole 24 Ore, arriva con un ritardo di oltre 5 anni dopo le prime denunce di Adusbef che risalgono al 21 gennaio 2011;  alle richieste dei rappresentanti degli azionisti alle assemblee societarie; alle dure critiche del comitato di redazione della testata giornalistica economica di Confindustria, accusata di aver manipolato le copie vendute, ricavi e dati di bilancio, quindi anche gonfiando i listini pubblicitari, atto dovuto dopo le inchieste  aperte dalla magistratura,  con il capo della Procura  di Milano Francesco Greco, che ha affidato le indagini al PM Fabio De Pasquale.

   Fa sorridere la nota del quotidiano di Confindustria, secondo la quale, in merito alla notizia dell'ispezione

Consob in corso, il Gruppo Sole 24 Ore commenta: 'Massima trasparenza, massima tranquillità, massima collaborazione, siamo un libro aperto'. Al contrario delle affermazioni di rito, quel libro non è mai stato aperto neppure alle richieste di Adusbef, dei giornalisti del comitato di redazione e dei rappresentanti dei 27.000 azionisti, oltre il 50% ‘parco buoi’,  che hanno visto bruciare oltre il 90% dei loro investimenti.

   Adusbef, che il 21 gennaio 2011, aveva inviato l’accluso esposto alla Consob (trasmesso 3 giorni fa, come  richiesto dagli inquirenti agli atti della Procura di Milano), chiede cosa abbia fatto in oltre 5 anni il Presidente Vegas, per impedire che si potesse consumare l’ennesima frode a danno degli azionisti,  da una gestione dissennata di un quotidiano economico, accusato di aver manipolato la diffusione delle copie vendute (come agli atti della ADR-Accertamento Diffusione Stampa, che ne ha cassato 109.000 digitali nel giugno 2016), integrando così i possibili reati di aggiotaggio, falso in bilancio, false comunicazioni sociali, e perfino le ipotesi di mercimonio tra grandi gruppi bancari che acquistavano le copie in blocco e la libertà di informazione.

    Adusbef auspica che il Pm Fabio di Pasquale, oltre ad indagare sulle ipotesi di reato degli amministratori del Gruppo Il Sole 24 Ore, verifichi anche i reati di omessa vigilanza, indagando sui motivi che hanno indotto  la Consob, nonostante fosse stata sollecitata ripetutamente ad intervenire, analogamente ai crac bancari ed ai gravissimi fenomeni di risparmio tradito a danno di centinaia di migliaia di famiglie esproriate, a non muovere  un dito,  per impedire ipotesi delittuose a danno del mercato e dei risparmiatori.

 

                                                                                                                                  Elio Lannutti (Presidente Adusbef)

Roma, 20.10.2016

 

 

                                                                                                                                             Al presidente della Consob

                                                                                                                                             On. Giuseppe Vegas

                                                                                                                                             Via G.B. Martini, 3

                                                                                                                                             00198 Roma

                                                                                                                                             Fax 06-8417707

 

Oggetto: richiesta di informazioni al mercato in merito alla Società quotata Il Sole 24 Ore

Signor Presidente,

nei giorni scorsi il Comitato di Redazione de Il Sole 24 Ore, società quotata in borsa nel dicembre 2007 che in poco tempo ha perso quasi l’80 % del suo valore, ha pro¬clamato tre giorni di sciopero (il primo dei quali svolto il 13 gennaio scorso) per protesta contro l’assunzione di due collaboratori (Marco Ferrante e Francesco Sisci) da parte del diretto¬re Gianni Riotta, nonostante lo stato di crisi e le difficoltà del quotidiano che nell’ultimo anno e mezzo ha per¬so (ufficialmente) 47mila copie e il 27% di abbonati, mentre i primi 9 mesi del 2010 si sono chiusi con 24 milioni di rosso. In realtà lo sciopero diventa un se-gnale forte della sfiducia della reda¬zione verso il direttore che, somman¬dosi al niet della Marcegaglia sul ta¬bloid (progetto fortemente voluto da Riotta), crea una situazione esplosi¬va.

Il Sole 24 Ore, dopo le necessarie autorizzazioni, venne quotato in borsa il 6 dicembre 2007, tramite Mediobanca, ad un valore (gonfiato) di 5,75 euro, inducendo 27.000 piccoli azionisti ad acquistare il titolo ed a rastrellare dal mercato 210 milioni di euro.  Il primo giorno di quotazioni, il Sole 24 Ore arrivò a perdere l’8%, con   scambi di 8 milioni di pezzi pari al 23% dei titoli in circolazione,il secondo giorno, il titolo chiuse in negativo a 5,47 euro (-2,32%) e dopo 2 giorni la perdita fu di quasi il 5%, con una continua ed inarrestabile erosione del valore del titolo, che ha toccato il minimo storico nella prima settimana di dicembre 2010,attestandosi a a 1,154 euro e con una debacle di circa l’80% in meno dalla sua prima quotazione (oggi il titolo ha chiuso a 1,323 euro) .

A circa 42 mesi dalla sua quotazione, forse anche a causa di una mala-gestio, come risulta anche dalle allegre consulenze  e collaborazioni che nel 2009 hanno raggiunto i 30 milioni di euro, senza che dai documenti contabili sia possibile risalire al dettaglio di tali voci, come non risulti sia stata esposta la totalità degli emolumenti corrisposti per cariche sociali in tutte le società controllate, la società sembra abbia bruciato ben 203 milioni di euro, avviandosi verso il declino, mentre la gestione del direttore Gianni Riotta, assurto alla direzione il 30 marzo 2009 dopo essersi dimesso dal TG1 per fare spazio ad Augusto Minzolini, sembra abbia registrato una consistente flessione delle quote di mercato nel 2010,pari all’11,7 % con circa 296.000 copie ufficiali, che si attesterebbero nel 2010 a 220.000 copie, senza quelle distribuite a titolo gratuito e le promozioni.

Riassumendo:

a) i crediti a bilancio sarebbero scesi di circa 29,5 milioni di euro (+ 1,85% rispetto al calo nello stesso periodo del 2009);

b) i proventi finanziari sono diminuiti del 60%;

c) gli investimenti in attività materiali sono calati di oltre il 50%;

d) sono state cedute imprese controllate per 1,2 milioni e il risultato netto ha segnato una perdita di 24,6 milioni di euro, aumentata cioè dell’11,64%;

e) i ricavi del quotidiano, Sole 24 Ore, risultano in calo 8,2%;

f) la raccolta pubblicitaria è in netta flessione;

g) il numero delle copie del quotidiano registra una consistente riduzione, mentre gli abbonamenti hanno subito una contrazione di oltre il 27%.

Il 14 aprile 2010, Nicola Borzi, rappresentante del Comitato di redazione, ha motivato il voto contrario al bilancio 2009, svolgendo il   seguente testuale intervento all’assemblea degli azionisti de Il Sole 24 Ore: 

       “Signora Amministratore delegato, signor Presidente, consiglieri e sindaci, signori azionisti,parlo come rappresentante dei giornalisti del “Sole 24 Ore” nella nostra qualità di azionisti. Se il nostro quotidiano viene acquistato e letto ogni giorno da centinaia di migliaia di lettori, lo si deve innanzitutto al capitale di professionalità e alla dedizione dei suoi giornalisti. Non alle promozioni editoriali, non ai prodotti opzionali: lo si deve all’impegno e alla responsabilità con cui ogni giorno cerchiamo, verifichiamo, pubblichiamo notizie di qualità. Un lavoro e una qualità su cui si fondano i risultati dell’azienda. Se siamo qui, per la terza volta dalla quotazione del 2007, a rappresentare tutti i giornalisti del “Sole 24 Ore” in quanto dipendenti/azionisti è perché al nostro lavoro e alla nostra azienda noi teniamo. Noi crediamo in questa società e vogliamo portare anche in questa sede il nostro contributo di analisi per aumentare l’efficienza dell’azienda e garantirle il rapido ritorno all’utile.

Purtroppo, in 287 pagine di fascicolo di bilancio, manca del tutto una cifra chiara e certa sul numero delle copie vendute quotidianamente dal "Sole 24 Ore". Leggiamo che il "Sole 24 Ore" ha fatto peggio del mercato: «La riduzione del numero di copie vendute da parte dei principali quotidiani nazionali è stata pari al 9,6% nel 2009: Il Sole 24 ORE, anche per effetto della riduzione delle copie promozionate, nello stesso periodo ha registrato una flessione dell’11,7%» (pagina 8); «I più recenti dati relativi alla diffusione (ADS media mobile 12 mesi dicembre 2008 - novembre 2009) evidenziano una riduzione del numero di copie diffuse in Italia dei principali quotidiani nazionali a pagamento rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente pari al 9,6%. E questo principalmente a causa della politica di riduzione delle copie promozionate praticata dagli editori. Proprio per questo Il Sole 24 ORE, nel medesimo periodo, registra una flessione del 11,7%, con circa 296 mila copie medie» (pagina 30).

Occorre dunque domandarsi qual è l’identità del nostro lettorato e quali sono le sue esigenze concrete. Noi riteniamo che identità ed esigenze del lettore del “Sole 24 Ore” non siano mutate rispetto al passato e che la sua richiesta sia quella di sempre: una domanda di informazione economica, finanziaria, normativa e professionale e di informazione di servizio di alta qualità. Lo dimostra il fatto che nelle occasioni in cui il nostro quotidiano propone prodotti speciali, inchieste, approfondimenti specifici su questi temi le vendite in edicola segnano sempre un balzo. Vale la pena ricordare che altri giornali economico/finanziari (Wall Street Journal, Financial Times, Economist) proprio in questa fase congiunturale, grazie al tipo di prodotto che propongono, hanno risentito assai meno del nostro della recessione. Perciò vi annunciamo che, nel primo incontro in sede aziendale, vi chiederemo innanzitutto un’operazione di trasparenza: vi chiederemo quali sono le cifre e le tendenze delle vendite reali.

I dati negativi non si limitano purtroppo alla diffusione cartacea. Secondo gli ultimi dati ufficiali (fonte Audiweb), resi noti il 6 aprile, l’audience online del nostro quotidiano sta calando in modo cospicuo. A febbraio 2010, a livello nazionale gli utenti attivi nel giorno medio aumentavano del 16,9%, mentre calavano del 7,1% le pagine viste e del 6,7% il tempo speso. Nello stesso periodo il brand online “Sole 24 Ore” segnava su base annua un calo del 2,3% degli utenti unici (da 268mila a 262mila circa), del 19,8% delle pagine viste (da 1,87 a 1,5 milioni) e del 32,7% dei tempi medi per utente (da 5 minuti e 6 secondi a 3 minuti e 26 secondi).

Deve essere chiaro a tutti che questi risultati non dipendono da una caduta dell’impegno dei giornalisti. Per far funzionare questa azienda i giornalisti, per quanto necessari e insostituibili, non bastano - anche perché i giornalisti sono solo un quinto della forza lavoro complessiva -.  La crisi nella quale la nostra azienda si trova, oltre che effetto della congiuntura generale e delle difficoltà particolari del settore, è stata causata anche da gravi errori, incertezze gestionali e da confusione nella corporate governance. Nel momento più buio della storia ultracentenaria del nostro giornale, proprio quando sarebbe stata necessaria la massima attenzione del management, la carica di amministratore delegato è rimasta vacante per tre mesi. Non solo: secondo la relazione 2010 sulla corporate governance (pagina 25) del Sole 24 Ore, trasmessa nei giorni scorsi al mercato e alle autorità di vigilanza, la nostra società vede i poteri di gestione attributi tanto al presidente, Giancarlo Cerutti, quanto all’amministratore delegato. Un caso di diarchia nelle decisioni gestionali più unico che raro nel panorama delle quotate italiane. Le osservazioni che seguono sullo stato dei conti e sull’"ultimo rigo del conto economico" (che era "l'unica cosa che mi interessa", come ci disse l'ex Ad Claudio Calabi che se n'è andato a dicembre incassando "altri compensi" per 944mila euro, si veda pagina 156) dimostreranno lo stato confusionale nel quale ci siamo trovati. Una situazione alla quale è ora chiamata a trovare rimedio la nuova Amministratrice delegata. Salutiamo la dottoressa Treu, di cui conosciamo il vasto bagaglio di competenze nell’editoria tecnica e professionale. A lei, così come a noi tutti, auguriamo di conseguire rapidi e importanti risultati, innanzitutto sul fronte delle vendite del nostro quotidiano, ricordando che il vero problema che ci angustia non è solo la caduta del giro d’affari, ma è la gestione dell’azienda. Quanto al lavoro, nel 2009 il costo del personale, al netto «delle variazioni di perimetro di consolidamento intervenute nel periodo, da un lato, e dall’iscrizione degli oneri non ricorrenti connessi con l’incentivazione all’uscita di personale dipendente ed il piano di ristrutturazione e prepensionamenti avviato, dall’altro», è drasticamente calato. Al netto dell’effetto delle nuove acquisizioni e degli oneri non ricorrenti 2009 che «ammontano complessivamente a circa 21 milioni di euro… il costo del personale mostra una riduzione del -2,7%, per effetto principalmente del minor costo medio per dipendente, anche grazie alle azioni di recupero delle ferie arretrate realizzate» (pagina 26). La redazione, dunque, ha già dato, sia con la riduzione del costo medio unitario del lavoro per effetto dello smaltimento del monte ferie arretrate, del taglio dei compensi ai collaboratori infra ed extragruppo, di altre riduzioni ai costi, che con la riduzione del numero dei giornalisti (che alla fine dello stato di crisi sarà calato del 15% circa) stabilito con l’accordo sul piano di crisi che abbiamo firmato nelle scorse settimane.

Perché in profonda crisi è l’intero modello di business. A livello di gestione industriale, rispetto al 2008 è girato in negativo l’Ebitda della divisione editrice (quotidiano) e di quella multimedia, è quadruplicato a livello di margine operativo lordo il “rosso” della divisione System (che da sola, in un anno, ha perso 46 milioni di fatturato) mentre quello della Radio è rimasto invariato e il dato negativo della divisione corporate e intercompany è aumentato di 3,5 volte a 32,4 milioni. I collaterali (libri, guide vendute insieme al giornale) sono addirittura tracollati. L’anno scorso hanno perso ricavi per 17,5 milioni di euro (-63% sul 2008). L’unica divisione con Ebitda positivo nel 2009 è l’Editoria professionale.

Non basta: la società non sa farsi pagare e lo stato dei crediti che vanta nei confronti dei clienti peggiora vistosamente, probabilmente per effetto di pubblicità pubblicata e non pagata. I crediti lordi verso clienti scaduti da oltre 121 giorni ammontano a 52,65 milioni, sono cresciuti del 25,8% su base annua e rappresentano ormai oltre i ¾ dei crediti complessivi. Un problema che rischia di compromettere i prossimi bilanci. Fa acqua tutta la gestione finanziaria che nel 2008 aveva fatto guadagnare 11 milioni, mentre nel 2009 il guadagno è stato di soli 2,7 milioni. Certo i tassi di interesse si sono abbassati, ma di fatto i proventi finanziari sono scesi del 75% in un anno.

Negli ultimi 10 anni, secondo le analisi di Mediobanca, la nostra società ha investito per linee esterne, in acquisizioni, 130,9 milioni di euro, al netto dell’investimento in Radio24. Una massa enorme di denaro: le acquisizioni hanno riguardato nel 2001 Calderini Edagricole, nel 2006 Editorial Ecoprensa e Motta Architettura, nel 2007 Editoriale GPP, Data Ufficio e Str, nel 2008 Esa Software e l’anno scorso Motta Cultura. Paradigmatica la vicenda di Blogosfere: come scrive il bilancio (pagina 11) «a marzo 2009, il Gruppo, rispetto agli impegni contrattuali definiti con l’accordo quadro del luglio 2007, ha conseguito modifiche migliorative che hanno consentito di acquisire un’ulteriore quota pari al 50% del capitale della società Blogosfere Srl, portando la propria partecipazione complessiva all'80%. L’investimento è stato di 850 mila euro. La partecipazione è stata ceduta nel mese di gennaio per un corrispettivo di 1,6 milioni di euro», da raccordare con quanto scritto a pagina 112: «Il costo complessivo dell’operazione, incluso quello relativo alla prima tranche del 30% è stato di 1.621 mila euro. Negli esercizi 2007 e 2008, quando la partecipazione era valutata a patrimonio netto erano state imputate a conto economico complessivamente 193 mila euro quali quote di perdita della partecipazione». Nel solo 2009 sono stati svalutati avviamenti per 8,63 milioni, tra cui integralmente quello del settore cultura e per 7,92 milioni quello dell’editoria di settore. Business Media srl è stata svalutata di ben 14,2 milioni e la 24 Ore Cultura di 4,7 milioni, Alinari 24 Ore di 1,3 milioni: in totale oltre 20,2 milioni in fumo. Perché? Perché nel 2009 su 40 milioni di ricavi Business Media srl ha segnato perdite per 10,8 milioni, il 25% del fatturato; 24Ore Cultura srl su 4 milioni di ricavi ne ha persi 3,7, cioè quasi tutto il fatturato. Alinari 24 ore ha segnato perdite pari metà dei ricavi (che erano di 3,2 milioni). La Radio, per quanto rappresenti un caso di scuola di successo editoriale e segni ascolti in crescita, risente fortemente del calo della raccolta pubblicitaria tanto che, dieci anni dopo il suo lancio, non ha ancora prodotto utili. Ma non basta: ricordiamo la disastrosa esperienza di 24OreTv, di Salute e Benessere Channel, di 24Minuti; pensiamo all’editoria di settore che sembrava l’Eldorado e che invece, come segnalano i dati di Business Media, mostra le prime crepe.

La verità è che le acquisizioni del passato sono servite per “comprare” fatturato. Ma quei ricavi sono stati acquistati a carissimo prezzo, con valutazioni molto elevate delle aziende acquisite. Oltretutto sono state acquisite aziende procicliche nei periodi di culmine del ciclo economico: il loro arretramento era inevitabile e difatti ora pesa sui nostri conti. Eppure la società, nonostante questi pessimi risultati, si intestardisce nell'idea di crescere attraverso le acquisizioni. Lo spiega chiaramente la Relazione a pagina 15: «Le linee strategiche del Gruppo contemplano una futura crescita per linee esterne. Il Gruppo intende infatti perseguire una strategia volta all’espansione delle proprie attività attraverso acquisizioni o accordi di collaborazione. Le difficoltà potenzialmente connesse alle operazioni di acquisizione o agli accordi di collaborazione, quali ritardi nel perfezionamento delle operazioni o costi e passività inattesi, potrebbero incidere negativamente sull’attività del Gruppo e sui suoi risultati».

Con la quotazione di fine 2007, l’azienda aveva incassato poco meno di 210 milioni di euro. Oggi la posizione finanziaria netta è sì ancora positiva ma si è ridotta a soli 98,8 milioni. Erano 149 nel 2008. Il flusso di cassa complessivo è stato negativo per 53 milioni nel 2009, ma era negativo per addirittura 93 milioni nel 2008, anno in cui la crisi mordeva meno. Nonostante questo, dal 2005 al 2009 questa società ha distribuito agli azionisti oltre 60,7 milioni di euro. I dividendi distribuiti sono pari a 3,5 volte tutti i profitti fatti dal 2005 a oggi (che ammontano ad appena 14,96 milioni, per effetto della perdita di 52,56 milioni di quest’anno).  Se continuiamo a bruciare cassa a questi ritmi, il rischio è che alla fine dell’esercizio 2011 la liquidità sia esaurita. Se la situazione di crisi non fosse stata ancora risolta, saremmo costretti a ricorrere a nuove operazioni di finanza straordinaria o all’indebitamento. In ogni caso, avremmo dilapidato i benefici della quotazione.

Il tutto si riflette sulla débâcle dei corsi del nostro titolo, riportata nel grafico di pagina 13. L'andamento di Borsa parla ben più di tante parole. Ricordiamo solo che il 6 dicembre 2007 l'azione del "Sole 24 ore" entrava in Borsa a 5,75 euro e che l'ultimo prezzo di ieri era di 1,74 euro: il titolo ha perso il 70% del suo valore. Ma per la società pare non esserci problema, tant'è vero che scrive «il titolo Il Sole 24 Ore ha recuperato dai minimi di marzo 2009 il 24%, in linea con la performance fatta registrare sullo stesso orizzonte temporale (marzo-dicembre) dal Dow Jones Euro STOXX Media P index». Certo, dai minimi storici di marzo il titolo ha un po' recuperato. Ma dai minimi relativi di fine ottobre / inizio novembre, mentre la Borsa si riprendeva e i titoli media europei segnavano un timido recupero, il trend della nostra azione è rimasto negativo.Signora Amministratore delegato, signor Presidente, consiglieri e sindaci, signori azionisti, occorre uscire dall’ottica fuorviante, già peraltro smentita dai fatti, che “Il Sole 24 Ore” sia una semplice fabbrica di eterni profitti da incassare. Chiediamo all’azionista di riferimento di occuparsi della sua società in un’ottica positiva, abbandonando qualsiasi tentazione di appoggiarsi a passate rendite di posizione che questa recessione ha definitivamente dimostrato non esistere più.

Vigileremo concretamente sull’operato di chi ci amministra: non accetteremo supinamente che si continui a investire attraverso acquisizioni il cui track record è ampiamente negativo. Chiediamo investimenti sul quotidiano e sull’online che riteniamo imprescindibile per il futuro della nostra società. Da questo punto di vista riteniamo fondamentali due questioni: quella dell’investimento sull’online e quella del formato di stampa del quotidiano. Fronti sui quali  le promesse aziendali di investimenti, negli ultimi anni, sono fioccate puntuali a ogni incontro, a ogni assemblea, a ogni cambio di management. Eppure di quelle promesse sull’attenzione alla centralità del quotidiano e sullo sviluppo dell’informazione online non abbiamo ancora visto la concretizzazione.

Per potenziare davvero, e non solo a parole, l’informazione online occorrerà investire. Perché oggi la redazione del quotidiano può scrivere per la carta stampata su un sistema editoriale ma per contribuire al web deve passare per assurdi scambi di email e di file. Lo stesso vale per i colleghi della redazione onlineonline, per capire quali sono le sue richieste e se convenga davvero, o no, passare da una informazione specialistica a una generalista? Soprattutto, quando sarà valutata l’opportunità di insistere ancora con la cessione gratuita sul web di contenuti di qualità, prodotti con costi non irrilevanti? Di studiare forme di abbonamento e/o di pagamento spot, anche tramite la strada dei micropagamenti, come stanno facendo da tempo i nostri concorrenti internazionali e altre primarie case editrici nazionali? Quando la società si attiverà per far cessare la riproduzione gratuita in rete dei contenuti del giornale, pur coperti da copyright, e procedere così al recupero di questa massa di ricavi che oggi sfugge al conto economico? quando scrivono per il quotidiano. Eppure sin dal 2007 tutta la redazione ha già espresso la sua disponibilità a saltare queste barriere, firmando con l’azienda un accordo sulla piena multimedialità. Sono tre anni che aspettiamo un segnale dalla società: quand’è che l’azienda si deciderà a passare dalle promesse ai fatti con l’acquisto di un sistema editoriale unico per tutti i media del gruppo? Quando analizzeremo con metodologia scientifica il nostro lettorato. Quanto alla vicenda del formato di stampa del quotidiano, vogliamo essere chiari un volta per tutte. Al netto delle questioni editoriali, che attengono al direttore, con cui presto intendiamo confrontarci, il progetto di passaggio al formato tabloid NON è stato ancora discusso ufficialmente con i giornalisti del «Sole 24 Ore». Dunque riteniamo che qualsiasi piano debba ancora passare al vaglio preventivo della redazione. Prima di esprimere un parere, positivo o negativo che sia, chiederemo garanzie occupazionali strettissime sul cui rispetto vigileremo. Signora Amministratore delegato, signor Presidente, consiglieri e sindaci, signori azionisti, la redazione del “Sole 24 Ore” vi dice forte e chiaro che il tempo della fiducia acritica, delle deleghe in bianco, degli spettatori silenziosi è finito. Vi hanno posto fine la crisi strutturale dell’editoria e quella congiunturale dell’intera economia italiana. In un’azienda come la nostra,i cui prodotti editoriali insistono sull’etica della responsabilità, noi vi chiediamo più  responsabilità e più etica. Sinora l’impegno aziendale è stato però insufficiente. Per tutti questi motivi, votiamo “no” al bilancio 2009.

Il Comitato di Redazione del “Sole 24 Ore”

Signor Presidente, bastava leggere l’intervento del rappresentante del Comitato di Redazione  per comprendere la crisi ed il declino irreversibile de Il Sole 24 Ore.

Per questo, al di là delle operazioni  censurabili, quali l’acquisto del  il 70% della Esa Software Spa, valutata 60,4 milioni di euro, con patrimonio netto negativo ed altre dubbie operazioni che riverberano i suoi effetti sul valore del titolo,arrecando gravissimo nocumento ai piccoli risparmiatori,che hanno lamentato le loro insoddisfazioni (basta leggere i verbali degli intervenuti all’ultima assemblea verbalizzata il 28 aprile 2010, da Giancarlo Cerutti e Filippo Zabban,assistiti dai notai Stefano Rampolla e Stefania Becelli) che ha portato un gruppo che editava il maggior quotidiano economico d'Europa, che nel 2006 fatturava 511 milioni di euro con  1.505 dipendenti, lievitati a 2.202 al 30 settembre 2010, con una fatturato crollato a 351 milioni di euro, esprimendo la preoccupazione per gli azionisti investitori, al di là di un eventuale falso in prospetto all’atto della quotazione,Le chiediamo che il gruppo comunichi urgenti e doverose informazioni al mercato in ordine ai diritti degli azionisti investitori:

a)  la gestione del direttore Gianni Riotta, ha fatto registrare, come afferma Nicola Borzi, una consistente flessione delle quote di mercato, pari all’11,7 % con circa 296.000 copie nel 2009;

b) quali siano state le copie realmente vendute nel 2010,quindi pagate ed iscritte a bilancio come ricavi, del quotidiano Il Sole 24 ore, e se risponda al vero che la recente gestione abbia coinciso con una ulteriore consistente perdita delle copie vendute, pari a circa 76.000 copie nel 2010, facendo attestare la vendita, quindi i ricavi iscritti a bilancio a stime di circa 220.000,in un disastroso trend decrescente che potrebbe mettere a rischio il mantenimento della forza lavoro e la stessa  continuità aziendale.

Ritenendo che si tratti di dati indispensabili al mercato in merito alla valutazione del titolo, in attesa di doverose determinazioni, La ringraziamo per la cortese attenzione  e Le inviamo.

 

Distinti saluti

                                                                                                                                        Elio Lannutti (Presidente Adusbef)

Roma,21.1.2011

 

 

22/10/2016

Documento n.10408

Sostieni i consumatori, sostieni ADUSBEF!

Puoi sostenere ADUSBEF anche attraverso il 5 x 1000: in fase di dichiarazione, indica il codice fiscale 03638881007

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK