Ricerca della Cgia di Mestre: in media una famiglia è in rosso

in Articoli e studi

Ricerca della Cgia di Mestre: in media una famiglia è in rossodi oltre 12 mila euro. Il record a Bolzano, poi Roma e Milano Italiani sempre più indebitatipiù 15 per cento nel 2005VENEZIA - Le famiglie italiane stringono la cinghia di fronte al carovita, ma sembrano non farcela comunque dato che il loro indebitamento bancario in un anno è cresciuto del 15,3%, toccando (giugno 2005) la quota media di 12.332,94 euro. Contro i 10.444,8 del 2004. Lo rivela una ricerca degli artigiani della Cgia di Mestre. Nella classifica tra province, sono le famiglie di Bolzano le più esposte con il sistema creditizio, con un indebitamento medio di 18.543 euro, seguite da quelle di Roma (18.267,65 euro), Milano 18.173,54 euro e Trento 17.021,44 euro. Ma, accanto alle quantità di indebitamento in termini assoluti, la Cgia ha analizzato anche l’incremento in percentuale di mutui e prestiti accesi dalle famiglie. Così, rispetto ad un aumento medio nazionale del 15,31%, emerge che la crescita maggiore è quella delle famiglie romane: più 21,78%. Seguono quelle di Brescia (20,90%), di Napoli (19,81%), di Mantova (19,41%). Significativi anche gli incrementi di Caserta (19,22%), Pesaro Urbino (19,17%), Viterbo (18,16%), Arezzo (17,85%) e Como (17,67%). In sostanza, se i record assoluti dell’indebitamento vanno al centro e al nord, i primati dell’incremento vanno al centro sud. Sul fronte opposto, il fanalino di coda degli incrementi dell’indebitamento delle famiglie è Ferrara (5,40%), il penultimo posto spetta a Potenza (7,32%), preceduta da Rovigo (8,14%), Massa Carrara (8,63%, Matera (8,90%), e Trieste (9,27%). Passando all’indebitamento in termini assoluti, vediamo che in coda (cioè tra le meno indebitate) ci sono tutte le province del sud. Si va dall’ultima, Avellino, dove l’indebitamento delle famiglie con le banche nel 2005 è arrivato a quota 5.303,23 euro, a Vibo Valentia (5.429,17 euro), a Isernia (5.608,58 euro). Per poi passare a Benevento (5.632,58 euro), Reggio Calabria (5.785,44 euro) ed Enna (5.797,70 euro). (4 febbraio 2006)

04/02/2006

Documento n.5636

Sostieni i consumatori, sostieni ADUSBEF!

Puoi sostenere ADUSBEF anche attraverso il 5 x 1000: in fase di dichiarazione, indica il codice fiscale 03638881007

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK