“J’ACCUSE TRONCHETTI!” – MAZZATE CONTRO L’EX PRESIDENTE TELECOM DA PARTE DELL’INVESTIGATORE CIPRIANI: “NON MI SI VENGA A DIRE CHE NESSUNO SAPEVA NULLA

“J’ACCUSE TRONCHETTI!” – MAZZATE CONTRO L’EX PRESIDENTE TELECOM DA PARTE DELL’INVESTIGATORE PRIVATO CIPRIANI: “NON MI SI VENGA A DIRE CHE NESSUNO SAPEVA NULLA; CHE HO RUBATO E MARCO TRONCHETTI PROVERA, PRIMO BENEFICIARIO DIRETTO E INDIRETTO, MI SI PRESENTI COME VITTIMA: QUESTO È INACCETTABILE!” – TUTTE LE ATTIVITÀ SVOLTE SU RICHIESTA DI TELECOM E PIRELLI – POI LA BOMBA: “SPIONAGGIO ANCHE AI DANNI DI YOKOHAMA E MICHELIN”… 1 - CIPRIANI: INACCETTABILE TRONCHETTI COME VITTIMA...(AGI) - Torna ad accusare Marco Tronchetti Provera l'ex investigatore privato Emanuele Cipriani nell'udienza preliminare su presunti dossier illeciti effettuati da una rete interna a Telecom e Pirelli. In un passaggio delle sue dichiarazioni spontanee davanti al gup Mariolina Panasiti, Cipriani usa parole durissime verso Tronchetti: "Non mi si venga a dire - sono le sue parole - che nessuno sapeva nulla; anzi che ho rubato e Marco Tronchetti Provera, primo beneficiario diretto e indiretto, mi si presenti come vittima: questo e' inaccettabile!".Tronchetti Provera Cipriani risponde a Tronchetti, sentito nelle scorse tre udienze come testimone, che aveva affernato di non sapere nulla di quanto facevano lui e Giuliano Tavaroli, considerati dalla Procura i 'registi' delle decine di report illeciti."La tesi di Tronchetti - dice Cipriani - mi e' sembrata piu' volte lacunosa e in contrasto con gli atti depositati e le ultime affermazioni dei testi, oltre che contraddittoria con quanto dallo stesso Tronchetti verbalizzato alla Procura nel giugno 2008"."Non ho problemi ad ammettere - prosegue - che talune delle attivita' contenevano segmenti di accertamento svolti con mezzi illeciti, ma tutte erano sviluppate su richiesta delle societa' Pirelli e Telecom per relative operazioni di business, come per relazioni di interesse personale di Tronchetti o di persone allo stesso legate". "Ne' Telecom ne' Pirelli - sottolinea Cipriani - hanno mai formalizzato alcuna denuncia di appropriazione indebita nei miei confronti". 2 - CIPRIANI: PIRELLI SPIÓ YOKOHAMA E MICHELIN... (Apcom) - Emanuele Cipriani, l'investigatore privato fiorentino imputato per i dossier illegali preparati da una struttura interna a Telecom, prende la parola in udienza preliminare e lancia nuove accuse al presidente di Pirelli Marco Tronchetti Provera che sentito come testimone recentemente aveva escluso di essere a conoscenza di attività illecite."Spionaggio ai danni dei concorrenti Yokohama e Michelin" sono le parole di Cipriani che ha reso questa mattina nuove dichiarazioni spontanee. "E' falso che ci sia un sistema criminoso posto in essere da me e da Tavaroli (Giuliano Tavaroli ex responsabile security aziendale ritenuto l'imputato principale della vicenda n.d.r.). E' smentito dal dato storico e oggettivo, perchè io ho iniziato a lavorare sia per Pirelli sia per Telecom prima dell'insediamento di Tavaroli.E per di piú in relazione a pratiche di estrema delicatezza - afferma Cipriani - Sono infatti di quel periodo dal 1997 in avanti le operazioni Bonzai e Paperino: attività di vero e proprio spionaggio industriale nei confronti rispettivamente di Yokohama e Michelin, concorrenti di Pirelli". Cipriani aggiunge che la pratica Bonzai gli venne commissionata dall'allora capo della security Gianfranco Sola e dall'ingegner Caretta "se non ricordo male responsabile della divisione ricerca e sviluppo di Pirelli". Cipriani racconta che spacciandosi per rappresentante di azienda concorrente acquistó da Emilio Colzani, in rapporto sia con Yokohama sia con Pirelli "la disponibilità a fornire in futuro segreti industriali".Su Michelin l'obiettivo era di scoprire "qualcosa del processo produttivo 'C3M' che stava per essere lanciato sul mercato e provocava ansia da parte di Pirelli perchè ritenuto molto innovativo". "L'interesse era tale che non si badó a spese... fu individuato il reparto ricerche Michelin di Cuneo mediante fotografie da un elicottero. Le spese le pagó Pirelli senza fiatare. Le fatture riportano il nome Banzai e Paperino e me lo sono ritrovate nel prospetto allegato alla memoria 8 giugno 2006 a firma Chiappetta come 'attività competitive di intelligence' oppure come 'spionaggio industriale'" conclude Cipriani.

09/04/2010

Documento n.8549

Sostieni i consumatori, sostieni ADUSBEF!

Puoi sostenere ADUSBEF anche attraverso il 5 x 1000: in fase di dichiarazione, indica il codice fiscale 03638881007

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK