da Il Sole-24 Ore (12-12-05) Ania, multa Antitrust da 2 milioni di euro

in Articoli e studi

12 dicembre 2003Ania, multa Antitrust da 2 milioni di euro Una multa da 2 milioni di euro all’Ania per intesa restrittiva della concorrenza: lo ha deciso l’Antitrust, spiegando che l’Associazione delle imprese assicuratrici ha favorito la diffusione di parametri di costo uniformi per la determinazione dell’entità dei risarcimenti per danni a cose.L’Ania dovrà inoltre interrompere immediatamente ogni attività di coordinamento a favore delle imprese associate adottando le misure ritenute più idonee che dovranno essere comunicateall’Autorità entro 90 giorni dalla notifica del provvedimento. Nell’ambito della stessa istruttoria l’Autorità ha anche stabilito che l’Ania e le Associazioni dei periti assicurativi, attraverso l’accordo sulle tariffe delle prestazioni, hanno attuato un’intesa restrittiva della concorrenza, violando l’articolo 81 del Trattato comunitario. Per questa seconda intesa la sanzione è di 200mila euro per l’Ania, mille euro, rispettivamente per Aicis (Associazione Italiana Consulenti Infortunistica Stradale) e Snapis (Sindacato Nazionale Autonomo Periti Infortunistica Stradale,), 800 euro per Cnpi (Consiglio Nazionale Periti Industriali). Non sono state invece previste sanzioni per Snapi (Sindacato Nazionale Autonomo Periti Industriali), Snapia (Sindacato Nazionale Periti Industriali Assicurativi) e Uipa (Unione Italiana Periti Assicurativi): pur avendo partecipato all’intesaqueste associazioni non hanno sostanzialmente registrato negli ultimi anni entrate associative sulle quali poter calcolare la sanzione.L’istruttoria era stata avviata dall’Antistrustil 15 luglio 2004, per valutare la restrittività dell’accordo stipulato nel 2003 tra l’Ania e le associazioni di periti maggiormente rappresentative sul territorionazionale, che definiva sia il valore dei compensi corrisposti ai periti assicurativi da parte delle imprese di assicurazione che le modalità ed i criteri di accertamento dei danni. Dalle risultanze istruttorie sono dunque emerse due diverse e separate intese restrittive, sia pur tra loro collegate. La prima è relativa appunto alle tariffe per le prestazioni peritali, la seconda riguarda le modalità e i criteri di determinazione dei risarcimenti per danni a cose.

12/12/2005

Documento n.5391

Sostieni i consumatori, sostieni ADUSBEF!

Puoi sostenere ADUSBEF anche attraverso il 5 x 1000: in fase di dichiarazione, indica il codice fiscale 03638881007

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK