Il Punto. Il miracolo di S. Marzano

in Il Punto

IL MIRACOLO DI SAN MARZANO(Di Elio Lannutti)

Il ministro dell?industria prof. Antonio Marzano è certo che,per combattere il caro tariffe RC Auto,aumentate del 96,9 per cento dal 1 luglio 1994,data della liberalizzazione tariffaria, basta fare appelli o incitamenti di "moral suasion" alle compagnie di darsi una calmata e calmierare i rincari. Ciò che non riuscì neppure al predecessore del ministro con un decreto di blocco delle tariffe RC Auto, che ciononostante registrarono un aumento del 9,7 per cento nel 2000 (Fonte DPEF, pag.54), è riuscito con un semplice appello stando alle dichiarazioni del prof. Marzano secondo le quali,la moratoria volontaria, alla quale aveva invitato le compagnie,ha dato i suoi frutti perché i rialzi delle tariffe sono state contenutissimi. O il ministro Marzano non legge il DPEF (documento di programmazione economica e finanziaria) che il Governo ha appena varato,cioè quelle cifre contenute a pag.54, secondo le quali le assicurazioni RC Auto sono aumentate del 9,9 per cento da gennaio ad agosto,ossia 122.000 lire in media a polizza,oppure giudica "contenutissimi" rincari del 9,9 per cento, oppure ancora crede nei miracoli che francamente non riusciamo a vedere, e non ci si accusi per mancanza di fede. Ma qualora il ministro Marzano dovesse riuscire a fare quel miracolo di non far aumentare le polizze RC Auto,aumentate anche del 20-30-60 per cento per le polizze in scadenza,si può tranquillamente candidare per un processo di beatificazione. Sarebbero in molti,anche di là dal Tevere, a perorare la causa !

12/10/2001

Documento n.3059

Sostieni i consumatori, sostieni ADUSBEF!

Puoi sostenere ADUSBEF anche attraverso il 5 x 1000: in fase di dichiarazione, indica il codice fiscale 03638881007

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK