DIFFIDA ASL

pubblicato il 01/03/2018 in Moduli e lettere tipo

Spett.le

ASL di AOSTA C.A. Direttore Generale

Via G. Rey, 1

11100 - AOSTA

PEC: protocollo@pec.ausl.vda.it

 

Spett.le

ASL di TORINO C.A. Direttore Generale

Via San Secondo, 29

10128 –TORINO

PEC: protocollo@pec.aslcittaditorino.it

sanita@cert.regione.piemonte.it

 

Spett.le

ASL di GENOVA C.A. Direttore Generale

Via Bertani, 4

16125 - GENOVA

PEC: segreteria.protocollo@asl3.liguria.it

 

Spett.le

ATS MILANO C.A. Direttore Generale

Corso Italia, 19

20122 – MILANO

PEC: protocollogenerale@pec.ats-milano.it

 

Spett.le

APSS TRENTO C.A. Direttore Generale

Via Alcide de Gasperi, 79

38123 - TRENTO

PEC: apss@pec.apss.tn.it

 

Spett.le

ASS BOLZANO C.A. Direttore Generale

Via Cassa di Risparmio 4,

39100 - BOLZANO

PEC: admin@pec.sabes.it

 

Spett.le

ASIUD UDINE C.A. Direttore Generale

Via Pozzuolo, 330

33100 – UDINE

PEC: asuiud@certsanita.fvg.it

 

Spett.le

USL BOLOGNA C.A. Direttore Generale

Via Castiglione, 29

40124 – BOLOGNA

PEC: protocollo@pec.ausl.bologna.it

 

 

 

Spett.le

AS FIRENZE C.A. Direttore Generale

Piazza Santa Maria Nuova, 1

50122 – FIRENZE

PEC:direzione.uslcentro@postacert.toscana.it

 

Spett.le

ASL PERUGIA C.A. Direttore Generale

Via G. Guerra  21

06127- PERUGIA

PEC: aslumbria1@postacert.umbria.it

 

Spett.le

ASUR ANCONA C.A. Direttore Generale

Via Oberdan, 2

60122 - ANCONA

PEC: areavasta2.asur@emarche.it

 

Spett.le

ASL 01 L’AQUILA-AVEZZANO-SULMONA

C.A. DIRETTORE GENERALE

Via Saragat - località Campo di Pile

67100 - L'AQUILA

PEC: protocollogenerale@pec.asl1abruzzo.it

 

Spett.le

ASSL CAGLIARI C.A. Direttore Generale

Via Piero della Francesca, 1

09047 - SELARGIUS (CA) 

PEC: protocollo.generale@pec.aslcagliari.it

 

Spett.le

AULSS Serenissima C.A. Direttore Generale

Via Don tosatto, 147

30174 - MESTRE

PEC: protocollo.aulss3@pecveneto.it

 

Spett.le

ASL ROMA 1/E C.A. Direttore Generale

Borgo Santo Spirito 3 00193 - ROMA

PEC: protocollo@pec.aslroma1.it

 

Spett.le

ASL ROMA 3/D C.A. Direttore Generale

Via Casal Bernocchi 73, 00125 ROMA

PEC: protocollo@pec.aslroma3.it

 

Spett.le

ASL ROMA 2/D Direttore Generale

Via Filippo Meda 35 00157 - ROMA

PEC: protocollo.generale@pec.aslromab.it

Spett.le

ASL ROMA 4/F C.A. Direttore Generale

Via Terme di Traiano 39/A Civitavecchia

PEC: protocollo@pec.aslroma4.it

 

Spett.le

ASL ROMA 5/G  C.A. Direttore Generale

Via Acquaregna 1/15 Tivoli

PEC: protocollo@pec.aslromag.it

 

Spett.le

ASL ROMA 6/H C.A. Direttore Generale

Borgo Garibaldi 12 Albano Laziale

PEC: servizio.protocollo@pec.aslromah.it

 

Spett.le

ASL NAPOLI 1 , NAPOLI 2 e NAPOLI 3

C.A. DIRETTORI GENERALI

Via Comunale del Principe 13/A - NAPOLI

Via Lupoli 27 – FRATTAMAGGIORE

Via Marconi 66 – TORRE DEL GRECO

PEC: aslnapoli1centro@pec.aslna1centro.it,

direzionegenerale@aslnapoli2nord.it,

protocollo@pec.aslnapoli3sud.it

 

Spett.le

ASREM Molise

C.A. Direttore Generale

Viale Duca d'Aosta, 34

86010 – CAMPOBASSO

PEC: asrem@pec.it

 

Spett.le

ASL di BARI C.A. Direttore Generale

Lungomare Nazario Sauro, 6

70125 – BARI

PEC: protocollo.asl.bari@pec.rupar.puglia.it

 

Spett.le

ASP POTENZA  C.A. Direttore Generale

Via Torraca, 2

85100 – POTENZA

PEC: protocollo@pec.aspbasilicata.it

 

 

Spett.le

ASP REGGIO CALABRIA

C.A. Direttore Generale

Via Diana 3

89125 REGGIO CALABRIA

PEC: affarigenerali.asprc@certificatamail.it

direzionegenerale.asprc@certificatamail.it

 

Spett.le

ASP PALERMO C.A. Direttore Generale

Via cusmano, 24

90141 - PALERMO

PEC:direzionegenerale@pec.asppalermo.org

 

e p.c. Spett.le

AGENAS C.A. D. G.Francesco Bevere

Via Puglie 23

00187 - ROMA

PEC: agenas@pec.agenas.it dir@pec.agenas.it

 

E p.c. Spett.le

MINISTERO SALUTE C.A. Ministro Lorenzin

Viale Giorgio Ribotta, 5

00144 – ROMA

PEC: dgprog@postacert.sanita.it

seggen@postacert.sanita.it

 

E p.c. Spett.le

ANAC C.A. Presidente Dott. Raffaele Cantone

Via M. Minghetti, 10

00187 – ROMA

PEC: protocollo@pec.anticorruzione.it

 

E p.c. Spett.le

CORTE CONTI  .A. Presidente Dott. Buscema

Viale Giuseppe Mazzini, n. 105 

00195 - ROMA

PEC: urp@corteconticert.it

 

E p.c. Spett.le

MINISTERO FINANZE C.A. Ministro Padoan

Via XX Settembre, 97

00187 – ROMA

PEC: mef@pec.mef.gov.it

 

 

Oggetto: liste d’attesa – rispetto termini ex D.Lgs 194/1998

 

Spettabili ASL, Egregi Direttori Generali, c on la presente, la scrivente associazione ADUSBEF[1], intende porre alla loro attenzione la dolorosa vicenda delle liste d’attesa, che gravemente incide sul benessere dei cittadini italiani anche dal punto di vista economico, costringendo molti concittadini al c.d. fenomeno della mobilità passiva sanitaria per ottenere cure previste dal SSN come obbligatorie presso la propria ASL di residenza.

In tal senso, giova ricordare che il fenomeno delle liste d’attesa è stato oggetto dell’attenzione del legislatore in più occasioni, responsabilizzando ed investendo le ASL di competenza di specifici compiti ed oneri.

 

Premesso, dunque, che:

  • il D.Lgs 194/1998, in parte novellato, ma in sostanza integrato e ribadito dalla Legge Piano di Governo delle Liste d’attesa 2010-2012 (Pubblicato in Gazzetta ufficiale il 23/11/2010 n. 274, suppl. ordinario) impone alle ASL d’Italia di erogare le prestazione nei termini massimi di 30 giorni per le visite specialistiche e 60 giorni per le prestazioni diagnostiche;
  • ai sensi del Dpcm 16/04/2002, divenuto parte integrante dei Lea come allegato 5 spetta ai direttori Generali delle ASL porre in essere tutte le misure necessarie all’organizzazione efficiente dei presidi  (“I Direttori Generali delle Aziende Sanitarie Locali e delle Aziende Ospedaliere sono responsabili dell’attuazione delle indicazioni regionali”),
  • ai sensi dell’art. 1, comma 282, della l. 266/2005 “E’ vietato sospendere le attività di prenotazione delle prestazioni”, ergo non è possibile sospendere le attività di prenotazione delle prestazioni o rinviarle a data tale da risultare in fatto sospesa;
  • la violazione di tale obbligo è punito con la sanzione pecuniaria da 1.000 a 6.000 euro (’art. 1, comma 284, della l. 266/2005 prevede che “Ai soggetti responsabili delle violazioni del divieto di cui al comma 282 è applicata la sanzione amministrativa da un minimo di 1000 euro ad un massimo di 6000 euro”)

 

Considerato che:

  • da più parti: cittadini, operatori del settore, media, ultimo il servizio giornalistico di Sky tg 24 andato in onda venerdì 16.02.18, emerge, fatta eccezione per alcune rarità, una grave condizione dei cittadini e conseguente compromissione dei diritti degli stessi relativamente ai tempi di attesa per l’erogazione di prestazioni da parte delle diverse ASL;
  • a causa della lunghezza dei tempi di attesa per l’erogazione di prestazioni sanitarie, talvolta anche di prima necessità, molti cittadini sono costretti a ricorrere a prestazioni a pagamento in modalità ALPI o eseguire la visita presso altro centro pubblico e/o privato pagando di tasca propria i costi della prestazione, che invece all’ASL sarebbe stata soggetta solo a ticket , peraltro, migrando dalla propria città verso altra sede, dovendo sopportare anche i maggiori costi e disagi per la trasferta;
  • tale status quo oltre a comprimere e compromettere i diritti dei cittadini è causa di maggiori esborsi economici tanto per il sistema sanitario quanto per le tasche private dei singoli utenti nonché, come emerso dagli studi del Censis del 2017, fonte di riduzione della domanda di salute, benchè proprio la salute costituisca bene costituzionalmente garantito;

 

Tutto ciò premesso e considerato si chiede alle ASL in epigrafe anche quali capoluoghi di regione, ut supra rappresentate, ai sensi e per gli effetti del D.Lgs 33/2013 come novellato dal DL 97/16 (F.O.I.A.) di fornire:

  1. Copia pubblica, e per l’effetto di pubblicare sui siti internet – sezione Amministrazione Trasparente- i dati sui tempi di attesa relativi agli anni 2016-2017 divisi per trimestre;
  2. copia del piano di riduzione delle liste d’attesa;
  3. in ordine alle prestazioni soggette a ticket e da erogare all’utenza sotto forma di visite, prelievi, esami diagnostici etc…, copia dei piani di lavoro ordinari suddivisi per singoli reparti relativi agli anni 2016-2017 divisi per trimestre;
  4. numero complessivo delle prestazioni specialistiche erogate negli anni 2016-2017 divisi per trimestre ed il numero delle prestazioni effettivamente prenotate;
  5. per i medesimi periodi (2016-2017) copia delle previste attività A.L.P.I. suddivise anch’esse per reparto;

Per i medesimi periodi temporali (2016-2017), sempre che l’ASL e l’OIV vi abbiano provveduto:

  1. riscontro tra l’uso dichiarato e l’uso effettivo dei macchinari e dei locali per esami e visite;
  2. riscontro tra prestazioni A.L.P.I. prenotate, effettivamente eseguite, eventualmente disdettate e nel caso di discrasia tra i dati copia della relazione dell’ufficio anticorruzione e dell’OIV sul punto;
  3. riscontro tra la prestazioni diagnostiche prenotate e l’uso effettivo dei macchinari rinvenibile dal numero di ore e di prestazioni erogate dalla macchina;
  4. riscontro tra le prestazioni effettivamente erogate e le somme effettivamente incamerate dall’ASL;
  5. relazione dell’ufficio anticorruzione, dell’OIV e della direzione sanitaria sulle cause ostative ad una corretta e tempestiva esecuzione delle prestazioni sanitarie
  6. copia della relazione della performance 2016 -2017 nella parte in cui detti elementi (da sub 6 a sub 10) sono stati elaborati ai fini della performance aziendale e dei relativi premi.

Nel caso, invece, le VS/ Spettabili ASL non presentino tempi di attesa oltre legge Vi chiediamo di esibire e produrre anche sui Vs/ siti internet – Sezione Amministrazione Trasparente- il piano anti lista e le cosiddette buone prassi sul tema.

In attesa di un Loro cortese cenno di riscontro si porgono Distinti Saluti.

Roma, data invio PEC

 

Il Presidente Adusbef

Avv. Antonio Tanza

 

[1] ADUSBEF, Associazione Difesa Consumatori e Utenti Servizi Bancari Finanziari Assicurativi e Postali è iscritta, ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 5, legge 30 luglio 1998 n. 281, nell’elenco delle associazioni di tutela degli interessi dei consumatori ed utenti rappresentative a livello nazionale, con decreto del Ministero dell’Industria del 27 ottobre 1999, pubb. in G.U. del 4/11/99, con le successive modifiche. Adusbef Onlus, per statuto, promuove ed assicura la tutela, sul piano informativo - preventivo, contrattuale e giudiziale - risarcitorio, dei fondamentali diritti: a) di natura economico - patrimoniale, quali il diritto alla correttezza, trasparenza ed equità nella costituzione e nello svolgimento dei rapporti contrattuali concernenti beni e servizi, con particolare riguardo ai servizi finanziari e creditizi, per la prevenzione e tutela dal fenomeno sociale dell’usura, in armonia con le finalità di cui alla L. 7 marzo 1996 n.108 (Disposizioni in materia di usura), e successive modificazioni ed integrazioni; b) di natura informativo - divulgativa, quali il diritto ad una adeguata informazione e ad una corretta pubblicità, nonché il diritto alla promozione e allo sviluppo dell’associazionismo libero, volontario e democratico tra i consumatori e tra gli utenti; c) di natura sociale generale, quali il diritto alla tutela della salute, alla sicurezza e alla qualità dei prodotti dei servizi, alla erogazione di servizi pubblici secondo standard di qualità ed efficienza, con particolare riguardo al servizio sanitario, al servizio postale, alla funzione pubblica di vigilanza prudenziale e controllo del credito, delle assicurazioni, del mercato mobiliare, del servizio farmaceutico, dei trasporti, delle telecomunicazione e servizi, nonché in materia urbanistica ed edilizia.

 

03/01/2018

Documento n.10143

Sostieni i consumatori, sostieni ADUSBEF!

Puoi sostenere ADUSBEF anche attraverso il 5 per 1000: in fase di dichiarazione, indica il codice fiscale 03638881007

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK