La banca Mediolanum condannata dalla Corte d’Appello di Perugia al risarcimento del danno per l’attivita' illecita del promotore finanziario.

pubblicato il 27/11/2017 in Comunicati stampa

Si è tenuta oggi presso la Corte di Appello di Perugia, Sez. Pen, l’udienza relativa al procedimento instaurato nei confronti del promotore finanziario, ex sindaco di Montecchio (TR), già condannato in primo grado per il reato di appropriazione indebita perpetrato nei confronti di numerosi consumatori-clienti della Banca Mediolanum. Nella sentenza di primo grado non era stata riconosciuta alcuna responsabilità dell’istituto di credito, pertanto i clienti-consumatori non hanno potuto ottenere alcun risarcimento del danno dalla Banca. In sede di appello, invece, all’esito della discussione cui, tra gli altri, hanno preso parte gli Avv.ti Riccardo Falocco e Silvia Surano per ADUSBEF ed alcune parti civili, la Corte, pur dichiarando l’intervenuta prescrizione dei fatti ascritti al promotore finanziario, ha confermato le statuizioni civili e ha riformato la sentenza di primo grado nella parte in cui non aveva condannato la Banca Mediolanum, in solido con il promotore, al risarcimento dei danni patiti dalle parti civili. Con l’odierna pronuncia, dunque, la Banca Mediolanum è stata riconosciuta civilmente responsabile del comportamento illecito del proprio promotore finanziario e dovrà risarcire i consumatori e l’Adusbef per i danni subiti  a seguito della condotta criminosa. Tra novanta giorni si potranno leggere le motivazioni della sentenza.

SOSTIENICI ED ISCRIVITI AD ADUSBEF CLICCANDO QUI

27/11/2017

Documento n.10117

Sostieni i consumatori, sostieni ADUSBEF!

Puoi sostenere ADUSBEF anche attraverso il 5 per 1000: in fase di dichiarazione, indica il codice fiscale 03638881007

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK