Da Virgilio.it (11-12-05) RC AUTO/ ADUSBEF: MULTA AUTORITA’ NON RISPECCHIA DANNI INFERTI

in Articoli e studi

RC AUTO/ ADUSBEF: MULTA AUTORITA’ NON RISPECCHIA DANNI INFERTINegli ultimi 8 anni rincari a tariffe del 132%12-12-2005 17:28Roma, 12 dic. (Apcom) - La multa di 2 milioni di euro inflitta dall’Antitrust all’Ania, per aver posto in essere un’intesa restrittiva della concorrenza "favorendo la diffusione di parametri di costo uniformi per la determinazione dell’entità dei risarcimenti per danni a cose", è di lievissima entità e non rispecchia i gravissimi danni inferti agli assicurati. Questo la denuncia che arriva dall’Adusbef in merito alla decisione dell’Authority sulle tariffe dei periti. L’Ania -si legge in una nota- non nuova ad intese restrittive della concorrenza e ad accordi collusivi con alcuni soggetti, non cambia mai registro nel praticare tariffe assicurative, specie nel settore RC Auto, le più elevate d’Europa, allegramente rincarate negli ultimi 8 anni del 132 per cento rispetto ad una diminuzione del 5 per cento in altri mercati, come quello francese. Le risultanze istruttorie emerse da due diverse e separate intese restrittive, sia pur tra loro collegate, relative alle tariffe per le prestazioni peritali e alle modalità e ai criteri di determinazione dei risarcimenti per danni alle cose, dimostrano che l’Ania cambia il pelo ma non il vizio - scrive Adusbef - dopo la sanzione inflitta dall’Antitrust per 350 milioni di euro rispetto a danni inferti agli assicurati per 3,5 miliardi di euro,che solo l’intervento del Governo con la legge truffa "salvacompagnie" ha impedito potessero essere ristorati agli assicurati. L’indennizzo diretto, che entrerà in vigore dal 1 marzo 2006, qualora non dovesse essere snaturato come da pressanti richieste di varie lobby nei decreti attuativi, potrà mettere la parola fine a una vera e propria giungla all’interno dei risarcimenti dei danni, valutata 2 miliardi di euro l’anno, allegramente ripartita da soggetti che non hanno alcun interesse né alla trasparenza,né tantomeno all’equità tariffaria,con ricadute positive su tariffe che dovevano scendere e che invece continuano a lievitare. Qualora la sanzione dovesse essere impugnata davanti al Tar del Lazio,Adusbef si costituirà - come ha già fatto in passato con la sanzione inflitta al cartello assicurativo - a fianco dell’Antitrust, l’unica vera Autorità a 5 stelle, vera amica del mercato e del benessere dei consumatori.

13/12/2005

Documento n.5397

Sostieni i consumatori, sostieni ADUSBEF!

Puoi sostenere ADUSBEF anche attraverso il 5 x 1000: in fase di dichiarazione, indica il codice fiscale 03638881007

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK