Da Virgilio 07/12/2005. BANKITALIA/WSJ:USCITA DI SCENA FAZIO SAREBBE GUADAGNO PER ITALIA

in Articoli e studi

BANKITALIA/WSJ:USCITA DI SCENA FAZIO SAREBBE GUADAGNO PER ITALIA07/12/2005 10:08Roma, 7 dic. (Apcom) - "Per quanto Fazio possa essere un problema per l’Europa, lui e la mentalità che rappresenta sono un problema ancora più grande per l’Italia. Sono gli italiani che avrebbero più da guadagnare dalla sua uscita di scena" E’ quanto scrive il Wall Street Journal in un lungo articolo, intitolato "Italy’s Problem" e dedicato alle polemiche che vedono coinvolto il governatore della Banca d’Italia Antonio Fazio. "La mancanza di competizione straniera ha consentito all’impresa bancaria italiana di rimanere un settore confortevole e incestuoso, con de facto un cartello sui prezzi. Come risultato, i clienti italiani pagano costi più alti per servizi bancari di base rispetto ad altri europei, ossia 252 euro all’anno, ossia sette volte e mezzo rispetto agli olandesi. E tutto ciò per servizi fortemente al di sotto della qualità standard in altri paesi".Dopo aver ripercorso le vicende Parmalat e Antonveneta, il WSJ spiega: "Nessuno pensa che Fazio avesse interessi finanziari nelle attività di Fiorani, o che abbia abusato della sua posizione per un guadagno materiale personale. Ma agendo più come il capo di un gruppo d’interessi che come un ’civil servant’, il governatore ha confermato la convinzione italiana secondo cui il successo negli affari viene attraverso le influenze politiche e gli accordi da retrobottega. Lo smodato potere di Fazio sulla finanza italiana è tuttavia uno svantaggio non solo per l’economia del paese, ma per lo stato d’animo del paese".copyright @ 2005 APCOM

09/12/2005

Documento n.5372

Sostieni i consumatori, sostieni ADUSBEF!

Puoi sostenere ADUSBEF anche attraverso il 5 x 1000: in fase di dichiarazione, indica il codice fiscale 03638881007

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK