Da ADNKronos. Patente revocata a chi provoca incidenti mortali

in Articoli e studi

Un emendamento del senatore Salerno (An) sottroscritto da altri parlamentariPatente revocata a chi provoca incidenti mortaliLa norma si applica quando chi infrange le norme del Codice della strada è sotto l’effetto di alcool o sostanze stupefacenti(Infophoto)Roma, 20 lug. (Adnkronos/Ign) - Chi, infrangendo le norme del Codice della strada è sotto l’effetto di alcool o sostanze stupefacenti, provocherà incidenti mortali si vedrà revocata la partente di guida. La nuova sanzione del Codice della strada è prevista in un emendamento, presentato al decreto legge sulla pubblica amministrazione, dal senatore di Alleanza nazionale Roberto Salerno, ma sottoscritto anche da altri parlamentari, tra cui Mauro Fabris (Udeur).La norma ha registrato 161 sì e 4 no; prevede la revoca definitiva della patente se infrangendo le norme del Codice si provocherà la morte in incidenti stradali, quando l’alterazione per effetto di alcool sia maggiore o uguale a due volte il limite consentito, o quando il guidatore che ha provoca l’incidente risulti aver assunto sostanze stupefacenti. La revoca viene confermata anche se si sarà scelto il patteggiamento o sarà sopravvenuta la sospensione condizionale della pena.’’I colleghi - ha spiegato Salerno - al di la delle divisioni politiche, hanno compreso la necessità di prevedere una norma severa per quanti si mettono al volante sotto l’effetto di alcool o droga. Si pone così fine allo ’scandalo-beffa’ di quanti hanno provocato incidenti mortali, ottenendo in seguito la riconsegna della patente’’. Salerno ha auspicato che la norma funzioni ’’soprattutto da deterrente’’.

20/07/2005

Documento n.4889

Sostieni i consumatori, sostieni ADUSBEF!

Puoi sostenere ADUSBEF anche attraverso il 5 x 1000: in fase di dichiarazione, indica il codice fiscale 03638881007

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK