ASSICURAZIONI: PROPOSTA DI LEGGE IDV SENATO, PER ONORABILITA' DEGLI ASSICURATORI

Massimo Mucchetti per Corriere della SeraPlacate le minacce di galera che, dopo il crac Lehman, alcuni ministri (Tremonti, ndD) rivolgevano ai banchieri indistintamente, attenuate le speculazioni sulle nomine in Generali e Mediobanca, la vexata quaestio dell'onorabilità degli esponenti delle banche e delle assicurazioni può emergere nel suo reale svolgimento.Il ministero dello Sviluppo economico ha pronto il decreto sui requisiti di professionalità, indipendenza e onorabilità di amministratori, direttori generali e sindaci delle compagnie, previsto dal Codice delle assicurazioni.Il testo ha ottenuto il parere favorevole dell'Isvap, l'Autorità di vigilanza sul settore, che a sua volta l'aveva sottoposto all'Ania, l'associazione di categoria. Ormai manca solo la firma del ministro Claudio Scajola, che ha tempo fino alla fine di giugno ma, in teoria, potrebbe porla anche domani.Il Codice era stato approvato nel 2005, sull'onda degli scandali Cirio e Parmalat, oggetto di processi che nei prossimi mesi arriveranno alla fase conclusiva. Benché la scelta non fosse tecnicamente ardua, sono stati fatti tre rinvii.Il decreto si compone di 10 articoli. Il più delicato è il settimo, che fa obbligo all'organo amministrativo di dichiarare la decadenza degli esponenti aziendali per i quali vengano meno i requisiti e, sulla falsariga della normativa bancaria, indica i casi nei quali lo stesso organo deve sospendere dalla funzione gli esponenti aziendali. E questa è la novità.Mentre la decadenza scatta a fronte di condanne passate in giudicato, la sospensione avviene anche dopo sentenze non definitive per reati finanziari, reati contro la pubblica amministrazione, nel caso la pena non sia inferiore all'anno, nonché per i delitti non colposi quando la pena sia superiore ai due anni. La sospensione scatta anche in presenza di misure cautelari. L'articolo 7 fa obbligo al consiglio di iscrivere l'eventuale revoca dei soggetti sospesi fra le materie da trattare nella prima assemblea utile.Lo spirito del provvedimento, che nasce dall'esigenza di tutelare il risparmio confluito nelle banche e nelle assicurazioni, è quello di dare un allarme ma senza annullare la presunzione d'innocenza. Perciò lascia ai consigli e alle assemblee, oltre che alla sensibilità dei diretti interessati, la scelta se revocare o reintegrare l'esponente sospeso.Banche e assicurazioni verranno finalmente equiparate.Ma già ora si apre il problema della reputazione, entrato a far parte dei criteri di vigilanza in base della direttiva 44 sull'acquisizione di partecipazioni qualificate in banche, assicurazioni e imprese finanziarie varata dal Parlamento europeo nel 2007 e recepita dal governo il 27 gennaio 2010.La reputazione riguarda sia i soggetti giuridici e i loro esponenti che le persone fisiche. Essa comprende l'onorabilità ma si estende pure alla correttezza nei comportamenti e nelle relazioni d'affari e alla competenza professionale. Mentre l'onorabilità è definita in modo certo e la sua osservanza viene fatta valere dentro le società, correttezza e competenza sono materie meno oggettive e perciò affidate alla valutazione della Banca d'Italia (che ha adottato la direttiva già nel maggio 2 0 0 9 ) e dell'Isvap . L'onorabilità riguarda chi già oggi ha responsabilità, la buona reputazione viene richiesta a chi vorrebbe averle. Il rischio dell'asimmetria è nelle cose.Alla società Intermedia, per esempio, è stata finora negata l'autorizzazione a comprare una piccola banca, perché Intermedia è presieduta da Giovanni Consorte, che conserva l'onorabilità ma risulta rinviato a giudizio per il caso Unipol-Bnl. Il fatto curioso è che banchieri come Gianni Zonin, Giovanni Berneschi e Guido Leoni e assicuratori come Pierluigi Stefanini e Carlo Cimbri sono anch'essi rinviati a giudizio assieme a Consorte, ma non subiscono alcuna restrizione d'attività perché banchieri e assicuratori lo sono già. Per non fare l'elenco di altri che hanno subito condanne, sia pure non definitive, ma sono stati sempre reintegrati.Sta al governo superare questo doppio regime. Per farlo, dovrà decidere se allineare al rialzo la qualità richiesta a banchieri e assicuratori estendendo la direttiva europea anche a chi è già in sella, oppure annacquare la spinta europea ai livelli domestici, magari per non dare troppo potere alla Banca d'Italia e all'Isvap. In un caso o nell'altro, emerge un bisogno di trasparenza.L'Europa fa obbligo alle istituzioni di vigilanza di pubblicare le ragioni delle loro "sentenze" a richiesta degli interessati, ma consente agli Stati, se lo decidono, di dare comunque pubblicità alle medesime. E questa è la seconda, ma non ultima per importanza, scelta da fare.

11/03/2010

Documento n.8517

Sostieni i consumatori, sostieni ADUSBEF!

Puoi sostenere ADUSBEF anche attraverso il 5 x 1000: in fase di dichiarazione, indica il codice fiscale 03638881007

Informativa sull'uso dei Cookies

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.OK